Cultura Ispica 08/05/2011 11:42 Notizia letta: 7643 volte

Assaggi di olio e vino di qualità all’Asca di Ispica

Per iniziativa di IngegniCulturaModica
http://ispica.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-05-2011/1396124185-assaggi-di-olio-e-vino-di-qualita-allasca-di-ispica.jpg&size=556x500c0

Ispica - Si è svolto ieri pomeriggio presso il laboratorio A.S.C.A. ( Analisi e Servizi per la Certificazione in Agricoltura) di Ispica l’evento “La qualità nelle tipicità iblee: vino e olio”, organizzato dall’Associazione Ingegni Cultura Modica e dal dirigente responsabile della struttura dott. Giuseppe Cicero.

Dopo la visita ai laboratori di analisi chimiche e sensoriali degli alimenti curata dal dott. Giuseppe Cicero, momento ancor più coinvolgente della serata l’assaggio di olio e vino offerto a tutti i partecipanti per imparare a distinguerne le caratteristiche e riconoscerne la qualità.  

L’assaggio è stato introdotto da momenti formativi, attraverso l’intervento esperto del dirigente sulle qualità organolettiche e sensoriali dell’olio. Successivamente è intervenuto l’enologo Antonino Di Marco, presidente della Commissione assaggio vini a Ragusa e Siracusa, per spiegare le caratteristiche di un buon vino. Un olio di qualità secondo il parere dell’esperto si riconosce dell’odore e dal sapore, amaro e piccante. Caratteristiche che solo un olio extravergine d’oliva, prodotto attraverso una naturale e meccanica spremitura delle olive, possiede. A tal proposito è stato degustato il Dop “Monti Iblei” confrontato con altri extravergini locali.

Il buon vino è invece riconoscibile se all’olfatto è gradevole e fruttato, e al palato fresco e capace di stimolare l’appetito, spiega l’enologo. Qualità che si ottengono con una lavorazione ben precisa, con l’uso di lieviti selezionati, frutto dei metodi moderni. Il vino infatti non è più inteso come alimento da produrre in casa, come avveniva in passato, ma come bevanda da gustare e da accompagnare ai piatti. È da questa concezione moderna che nascono i vini migliori della nostra zona. All’assaggio è stato apprezzato particolarmente il “Nero d’Avola” di Pachino.

Scoprire e saper riconoscere le eccellenze enogastronomiche del nostro territorio. Questo il valore culturale dell’iniziativa come spiega il presidente di Ingegni Cultura Modica Mario Incatasciato: “La nostra Associazione si occupa di valorizzare le eccellenze materiali ed immateriali del territorio. Con questa iniziativa volevamo focalizzare l’attenzione su due eccellenze della nostra terra in particolare, il vino e l’olio. Per fare ciò bisognava far riferimento ad un ente che ne certifichi la qualità come l’A.S.C.A., centro accreditato per eccellenza ed unica struttura del Meridione. Abbiamo voluto associare quindi la bontà dei prodotti con una struttura che ne possa accertare la qualità”.

L’A.S.C.A. è infatti un sistema di valutazione messo in atto dall’Assessorato Agricoltura e Foreste, attraverso una rete di laboratori in tutta la Sicilia. Il sistema permette di valorizzare i prodotti agroalimentari siciliani attraverso la caratterizzazione, il monitoraggio analitico, la garanzia di qualità e la definizione delle caratteristiche nutrizionali e sensoriali dei prodotti. La struttura di Ispica, di 2.000mq tra uffici e laboratori, fa da capofila alle attività della rete, si occupa anche di individuare le caratteristiche organolettiche degli alimenti e i profili sensoriali per definire le tipicità di prodotti locali. Si occupa inoltre della formazione di produttori e consumatori.

L’evento si è concluso con una degustazione a tema curata dalla “Legumeria” di Modica, con pane condito con olio Dop di Chiaramonte Gulfi, origano di Giarratana e macco, accompagnato con “Nero d’Avola” di Pachino.

Paola Fidone
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg