Giudiziaria Ispica 14/10/2011 19:45 Notizia letta: 8324 volte

Ispica, abusivismo, a giudizio la moglie di Raffaele Lombardo

L'8 maggio il processo
http://ispica.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-10-2011/1396123380-ispica-abusivismo-a-giudizio-la-moglie-di-raffaele-lombardo.jpg&size=542x500c0

Modica - Saveria Grosso, moglie del governatore Lombardo, sarà processata per abusivismo edilizio il prossimo otto maggio, indagata dalla Procura di Modica per una villetta sulla scogliera di Cirica, a Ispica.

La donna dovrà comparire davanti al giudice monocratico del Tribunale di Modica e sarà  difesa dall’avvocato Salvatore Poidomani.

Indagati anche il direttore dei lavori e il legale rappresentante dell’impresa che li ha eseguiti, Alberto MiceliGiuseppe Presti.


La villetta di Ispica (che s’affaccia sul mare) era stata acquistata da Raffaele Lombardo che l’ha poi donata alla moglie.

Secondo la difesa era esistente già quando Lombardo l’aveva acquistata e sarebbe stata soltanto ristrutturata.

Il procuratore Puleio sostiene, invece, che l’immobile, al momento dell’acquisto, era solo un rudere.

 

La sanatoria non è arrivata in tempo


 

La sanatoria regionale non è arrivata in tempo. La moglie del presidente della Regione è stata rinviata a giudizio per gli abusi edilizi della villa di Ispica. Una villa fronte mare in una zona incantata dove appena 70 metri separano acqua da cemento, pietre e una grande tettoia sotto sequestro. Sarebbe tutto abusivo, il tentativo della difesa di dimostrare che in precedenza esisteva un fabbricato rurale non ha retto sino a questo momento: foto aeree e google maps escludono l’esistenza di fabbricati in quel posto. L’ultima parola spetta però al giudice.

L’udienza è stata fissata per il prossimo 8 maggio quando la moglie del governatore vestirà, grazie alla donazione del marito, la veste di imputata per quella villetta costruita su un basamento di cemento. Lo stesso basamento che secondo le dichiarazioni di Raffaele Lombardo doveva essere demolito nel 2004, tempo del primo sequestro. Addirittura la villa del presidente è stata inserita nel dossier “mare nostrum” del 2008. Poi le elezioni e un’assemblea regionale spaccata sul tentativo di sanare quella grande colata di cemento che negli ultimi decenni ha devastato la fascia costiera siciliana. Passando dalla villetta di famiglia del presidente della Regione e, pare, di qualche altro deputato acconsenziente.

La battaglia nelle aule giudiziarie per il destino della villetta procede da oltre un anno. I legali di Saveria Grosso aveva sostenuto che il fabbricato rurale oggetto di intervento non poteva essere definito un rudere, “trattandosi invece di preesistente organismo intatto nelle mura perimetrali ed in stato di conservazione tale da consentire un recupero fedele. Proprio per questo , l’intervento di edificazione ex novo -secondo l’accusa- della villetta fronte mare, veniva qualificato come “manutenzione straordinaria”, tipologia di intervento che necessita soltanto di una semplice denuncia di inizio attività (DIA).

La difesa della signora Lombardo lamentava anche che l’intera indagine non si fondava su una notizia criminis ma su una denuncia anonima. Ed è così che è iniziato il calvario della moglie del presidente della Regione, con la lettera di un forestale inviata a giornali e giornalisti. Per questo, la villa ceduta dal marito assomiglia sempre più ad una patata bollente. Nel mese di luglio è stato aperto un nuovo fascicolo in cui risultano indagati funzionari e dipendenti del Comune di Ispica, ma anche funzionari della Soprintendenza di Ragusa. Tutti coloro che hanno firmato gli atti sono indagati. Aspettando, magari, il tentativo di sanare tutto all’Ars.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif