Cultura Ispica 02/11/2011 10:48 Notizia letta: 3579 volte

Ispica, recuperare l'antica nave Longarini

Il relitto è stato rinvenuto nel lontano 1962
http://ispica.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-11-2011/1396123251-ispica-recuperare-l-antica-nave-longarini.jpg&size=1108x500c0

Ispica - I presidenti dell'associazione «Sicilia antica» e del comitato «Pro nave Longarini», Sesto Bellisario e Rosario Gugliotta, hanno trasmesso una dettagliata nota, riguardante il prezioso relitto rinvenuto nel lontano 1962, al direttore ei Beni Culturali Sicilia, al Sovrintendente ai Beni culturali di Ragusa e Siracusa, al sindaco di Ispica, agli onorevoli Ragusa, Leontini ed Ammatuna, al dott. Giovanni Distefano e al dott. Saverio Scerra, tutti coinvolti, bene o male nella problematica.
Nella lettera in questione viene ripercorso l'iter burocratico che ha coinvolto il relitto, «trasferimenti», l'ultimo a Siracusa per il necessario restauro. Il problema divenne anche oggetto di una conferenza di servizio tenuta a palermo con l'allora assessore regionale ai beni culturali, Fabio Granata. Si legge fra l'altro nella lettera: «Il Comune di Ispica e la Provincia regionale di Ragusa hanno espresso la disponibilità ad approntare idonei locali per l'esposizione della nave bizantina di Longarini e dei reperti trovati nel mare di Porto Ulisse, ritenuti idonei dalla dottoressa Beatrice Basile e dai tecnici del Centro Regionale per il Restauro; dal 1992 ad oggi, nonostante le sollecitazioni della sede ispicese di SiciliAntica e della Sovrintendenza di Ragusa, nessuna risposta è intervenuta da parte della Sovrintendenza di Siracusa circa lo stato del restauro del relitto e sulla sua consegna alla Sovrintendenza di Ragusa».
Sono state allegate alla lettera centinaia di firme «per sollecitare la restituzione della Nave di Longarini agli ispicesi, e contestualmente per sapere entro il più breve tempo possibile: se i legni del relitto sono tenuti in ambiente idoneo provvisto di microclima ottimale, come era stato previsto dagli esperti del centro di Restauro; se il restauro, che nel 1992 fu finanziato con 50 milioni delle vecchie lire dall'ex assessore regionale Fabio Granata, è stato effettuato e concluso; la data presumibile della restituzione al Comune di Ispica del predetto relitto».

La Sicilia
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg