Cronaca Ispica 22/07/2017 15:23 Notizia letta: 8400 volte

Morte di Orazio, il sospetto di un'auto pirata

Avrebbe compiuto 18 anni il 18 settembre
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-07-2017/morte-orazio-sospetto-unauto-pirata-500.jpg

Ispica - I carabinieri escludono che Orazio Spataro sia stato investito da un'auto pirata, ma il sospetto a Ispica rode la mente di tutti. 

Un rettilineo, anzi, il rettilineo. Quello per antonomasia, lungo, con tante immissioni laterali, teatro di incidenti che hanno funestato la comunità di Ispica e quella di Pozzallo. 

Quanti morti, quanti giovani morti, quante croci ha contato quella strada?

Erano le due e trenta della notte. Orazio rincasava dopo una serata trascorsa con gli amici. Loro in auto, lui in moto. Già, perchè Orazio amava i motori, i go kart, le belle macchine, il soft air e lo skateboard. Il 18 settembre avrebbe compiuto 18 anni, lui, l'unico figlio di papà Giovanni, imprenditore agricolo noto in provincia, e di mamma Sabina, anche lei molto amata a Ispica. 

Orazio aveva anche rinunciato a una vacanza in Croazia con gli amici e i compagni di scuola dell'istituto Curcio, preferendo restare a Ispica. La partenza per la gita era in programma stamani all'alba. 

Quindi il rettilineo, la strada della morte, lunga, infinita. Orazio cade dalla moto. Ha il casco. Cade. Viene trovato riverso a terra, esanime, da alcuni automobilisti in transito. 

E' un ragazzo, un giovane motociclista. Partono i soccorsi. Come è caduto, perchè è caduto?

La Procura ha disposto l'autopsia. Il cadavere sarà riconsegnato ai familiari nei primi giorni della prossima settimana. Piange Ispica.

Piange e si chiede perchè. 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg